Poltrone d’ufficio con la carena della Vespa

vespa11

“Italiani benvenuti a Londra”,dice Nigel Farage

 

epa05237462 UK Independence Party (UKIP) leader Nigel Farage poses for pictures with supporters outside the Electoral Commission in London, Britain, 31 March 2016. EU-exit campaign Grassroots Out (GO) submitted its application to the Electoral Commission for designation in the EU referendum. Britain will vote 23 June wether to remain or leave the EU. EPA/ANDY RAIN

epa05237462 UK Independence Party (UKIP) leader Nigel Farage poses for pictures with supporters outside the Electoral Commission in London, Britain, 31 March 2016. EU-exit campaign Grassroots Out (GO) submitted its application to the Electoral Commission for designation in the EU referendum. Britain will vote 23 June wether to remain or leave the EU. EPA/ANDY RAIN

Dalla Brexit gli italiani non dovranno temere nulla. Parola di Nigel Farage. «In Gran Bretagnavivono persone meravigliose arrivate dall’Italia» e gli italiani continueranno ad entrare anche dopo un eventuale Brexit, «ma legalmente», secondo nuove regole di controllo dei flussi che Londra adotterà a quel punto autonomamente, ha detto Nigel Farage, leader euroscettico dell’Ukip, rispondendo all’Ansa a margine di una manifestazione anti-Ue organizzata dal suo partito a Londra in vista del referendum del 23 giugno. «Qui ci sono persone meravigliose arrivate dall’Italia, ma il punto è che noi, come Paese, letteralmente non possiamo far fronte agli attuali livelli d’immigrazione dall’estero», ha detto Farage. «I nostri servizi pubblici – ha insistito, battendo su un cavallo di battaglia della campagna Vote Leave – non possono reggere il peso di una popolazione che aumenta di mezzo milione ogni singolo anno». Farage ha quindi respinto le accuse di razzismo rivolte contro di lui per aver evocato giorni fa il rischio di molestie alle donne da parte d’immigrati in Gran Bretagna sull’esempio di Colonia e ha accusato il fronte filo-Ue di essere lontano dalle preoccupazioni reali della gente. Mentre ha liquidato il progetto unitario di Bruxelles come qualcosa destinata comunque a un inevitabile sgretolamento quale che sia il risultato del referendum britannico.

IN VALNERINA VA IN SCENA IL RADUNO NAZIONALE 4X4 ‘SELLANO OFF ROAD’

 

fotone_sellanoAdrenalina e spirito d’avventura, due costanti che guidano gli amanti dei fuoristrada 4X4 dritti a Sellano (PG) dove domenica 26 giugno è in programma ‘Sellano Off Road’, raduno nazionale per fuoristrada e quad. Tanti i percorsi nella nona edizione che metterà a dura prova mezzi e piloti impegnati su tracciati normalmente chiusi al transito dei veicoli a motore. Attesi una ottantina di equipaggi provenienti da diverse parti d’Italia che si confronteranno con un percorso base di circa 40 chilometri nel quale sono previsti anche dei punti di ristoro. Ci saranno, inoltre, delle varianti rispetto al tragitto base per i più esperti e attrezzati. Il ritrovo sarà nella piazza principale di Sellano, alle 8, mentre la partenza del primo equipaggio è prevista per le 10. A fare da cornice all’evento lo spettacolo storico-naturalistico offerto dal paesaggio della Valnerina, nell’Appennino umbro, con i suoi sentieri, mulattiere e corsi d’acqua.

“Il percorso è a road-book – fanno sapere dalla proloco Sellano – con varianti impegnative facoltative, un vero e proprio percorso estremo per gli equipaggi dotati di verricello e blocchi. Sono consigliati 4×4 dotati di riduttore, gomme tassellate, strop, grilli e pneumatico di riserva”. Per partecipare al raduno occorre compilare una scheda di iscrizione in cui vanno indicate targa, tipo di veicolo, numero di polizza e compagnia assicurativa. Il percorso è aperto solo ai veicoli targati e in possesso di idonea omologazione per messa su strada. I costi vanno dai

35 euro per una persona (senza pranzo) ai 65 euro per due persone (con pranzo) e tutti riceveranno in regalo gadget. Per ulteriori informazioni www.prolocosellano.com.

PROGETTO ROCCHETTA, COMUNANZA AGRARIA APPENNINO GUALDESE ESPRIME PROPRIA POSIZIONE

 

gualdo_tadino_centro_storico

L’incontro venerdì 10 giugno alle 10.30 nella sala Fiume di palazzo Donini a Perugia

La Comunanza agraria Appennino gualdese ha indetto una conferenza stampa per presentare in autonomia la propria posizione sul progetto Rocchetta, in qualità di legittimo proprietario dei terreni in concessione all’azienda e di gestore degli usi civici degli stessi, e fare chiarezza in merito alle notizie apparse negli ultimi giorni sulla stampa locale.

All’incontro, venerdì 10 giugno alle 10.30 nella sala Fiume di palazzo Donini, parteciperanno Nadia Monacelli, presidente della Comunanza agraria Appennino gualdese, e alcuni membri del consiglio di amministrazione della stessa.

Todi: iniziati i saggi di fine anno della Scuola Comunale di Musica. Prossimi appuntamenti il 13 e 14 giugno alle 17 al Palazzo del Vignola. Martedì 14 giugno alle 20.30 al Teatro Comunale concerto finale degli allievi e dei docenti

 

Scuola_Musica_Todi_Saggi_fine_anno_2016Hanno preso il via martedì 7 giugno, nella sala delle bandiere del Palazzo del Vignola, i saggi di fine anno della Scuola Comunale di Musica di Todi proposti dalla Scuola in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Todi.

Il calendario dei saggi di classe prevede altri due appuntamenti per lunedì 13 e martedì 14 giugno, sempre alle ore 17 alla sala delle bandiere del Palazzo del Vignola. Le classi di strumento sono: batteria (Mattia Mattoni), canto lirico (Mariangela Campoccia), canto moderno (Luana Majorano), chitarra (Gianmario Troiani), clarinetto (Carla Cicioni, Flauto Fulvia Cianini), Musicainfasce® e Sviluppomusicalità® (Virginia Romagnoli), pianoforte (Francesco Andreucci, Stefano Giardino, Simona Margutti e Francesco Piantoni), propedeutica (Simona Margutti), sassofono e laboratorio d’improvvisazione jazz (Federico Codini), tromba (Fabrizio Calistroni), violino (Corinna Ruppert) e violoncello (Mauro Businelli).

La settimana di saggi si concluderà martedì 14 giugno con un concerto finale degli allievi e dei docenti al Teatro Comunale alle ore 20.30. La serata di musica, ad ingresso gratuito come tutti gli altri appuntamenti, vedrà anche il debutto del Coro della Scuola Comunale e del Liceo “Jacopone da Todi” diretto dal Maestro Sergio Lupattelli. Il Coro è nato dalla volontà del Liceo, nella persona del preside Sergio Guarente, del Direttore della Scuola Comunale Stefano Giardino e della Marte Associazione onlus che dal 2012 ha in gestione la Scuola.

Durante l’ultimo anno scolastico, la Scuola Comunale ha partecipato a vari eventi culturali della città: oltre ai concerti di Natale e di Primavera, allievi e docenti hanno suonato al concerto inaugurale del Liceo “Jacopone da Todi” e della Scuola Comunale di Musica in ottobre, alle cinque lezioni-concerto tenute nell’Aula Magna del Liceo, alla conferenza su Franz Liszt con il regista Angelo Bozzolini, alla Notte Bianca ed alla Festa Europea della Musica, manifestazione arrivata alla terza edizione che quest’anno si terrà il 19 e il 21 giugno.

 

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, I GEOMETRI PUNTANO SULL’INFORMATIZZAZIONE “Bene il dialogo che si è instaurato con gli enti per risolvere i problemi dei professionisti”

Sostenere e incentivare le pubbliche amministrazioni (pa) a proseguire sulla strada dell’informatizzazione e, quindi, della semplificazione, sburocratizzazione e accelerazione dei procedimenti. È quanto emerso dal seminario tecnico sul nuovo protocollo informatico Suape (Sportello unico per le attività produttive e l’edilizia) promosso a Todi, martedì 7 giugno, dall’Associazione geometri Media Valle del Tevere in collaborazione con l’amministrazione comunale e i Collegi dei geometri e geometri laureati delle province di Perugia e Terni. Un incontro di formazione rivolto a tutta la Rete delle professioni tecniche dell’Umbria organizzato proprio nella città capofila del progetto di digitalizzazione per il comprensorio composto da Collazzone, Deruta, Fratta Todina, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio e San Venanzo. “Tra professionisti e pa – ha dichiarato Tommaso Servettini, vicepresidente dell’Associazione geometri Media Valle del Tevere – si è instaurato un dialogo positivo e fruttuoso che ci auguriamo consenta di trovare un giusto connubio tra le rispettive esigenze. È un rapporto che si è rafforzato in questi anni di crisi e che noi tutti abbiamo notato con piacere. Apprezziamo, in particolare, l’impegno del Comune di Todi a farsi promotore di eventuali correttivi al sistema Suape per cercare di efficientarlo al massimo”. Durante l’iniziativa, a cui hanno preso parte rappresentanti  delle società che hanno generato e gestito il sistema digitale, si è cercato di dare un inquadramento generale del protocollo informatico e di capire le prospettive future dell’implementazione della Rete regionale degli Sportelli unici per le attività produttive e l’edilizia, attivata a fine 2013 con l’obiettivo di permettere a cittadini e imprese di inoltrare direttamente le istanze agli uffici comunali. “Questa – ha spiegato il presidente dell’Associazione geometri Media Valle del Tevere Giampiero Grossi – è una delle tante iniziative che sviluppiamo nel territorio volte a formare i nostri iscritti, come da obbligo normativo di ogni ordine tecnico. Non ci rivolgiamo soltanto ai giovani o a chi si affaccia per la prima volta alla professione ma anche a coloro che per motivi anagrafici, nonostante gli anni di esperienza maturata, hanno più difficoltà con le nuove procedure. È, però, anche l’occasione per un confronto tra i professionisti sui problemi che questi incontrano nell’attività lavorativa quotidiana e per portare tali questioni, in maniera costruttiva e in un’ottica collaborativa, all’attenzione della pubblica amministrazione”.

“UMBRIA, ORA SIAMO A 40 CONSIGLIERI COMUNALI: CAMBIAMO TUTTO!” – NOTA DI ANDREA LIBERATI (M5S)

 

andrealiberati-300x169“La strada è tracciata: il cambiamento è
lento, ma inesorabile anche in Umbria. D’altronde i cittadini stanno via via
aprendo gli occhi su politici in perenne conflitto di interessi o talmente
dimentichi dei problemi collettivi e del decoro istituzionale da risultare
spesso assenti proprio laddove dovrebbero esercitare le loro alte
funzioni”: è il commento del capogruppo del Movimento 5 stelle in Regione,
Andrea Liberati, sugli esiti delle elezioni comunali.

“I cittadini – afferma Liberati – riconoscono in noi l’alternativa:
infatti, pur presentandoci per la prima volta, otteniamo ovunque eletti e
risultati lusinghieri, con numeri talora straordinari, come ad Amelia.
Continuiamo pertanto a lavorare con impegno, competenza, serietà, per
smontare il sistema, pronti a governare l’Umbria: a tal fine, da queste ore
si aggiungono nuovi portavoce in tutti i Comuni in cui il Movimento 5 Stelle
ha presentato un proprio candidato sindaco. Il Movimento in Umbria è oggi
rappresentato da ben 40 consiglieri comunali, oltre a quattro parlamentari e
due eletti in Regione: la nostra missione resta quella di restituire la Cosa
Pubblica ai cittadini, dopo la depredazione praticata da parte della vecchia
politica”.

“Come noto – prosegue – in Umbria è ancora largamente impunito il
binomio asfissiante politica/affari, platealmente comprovato ai più alti
livelli: ebbene, certi personaggi sappiano che la loro azione incontrerà da
subito fiera resistenza grazie ai nostri portavoce, supportati da un
movimento di cittadini tornati attivamente a occuparsi della comunità, donne
e uomini che ringraziamo e siamo onorati di rappresentare. Anche in Umbria
#cambiamo tutto!”.

unico attività produttive ed edilizia TODI, GEOMETRI E PROFESSIONISTI SI CONFRONTANO SUL SISTEMA ‘SUAPE’ Seminario formativo martedì 7 giugno, alle 14.30, nella sala del Consiglio comunale

L’inquadramento del nuovo protocollo informatico ‘Suape’ (Sportello unico per le attività produttive e l’edilizia) e le prospettive future dell’implementazione di tale sistema saranno al centro del seminario formativo in programma martedì 7 giugno, alle 14.30, nella sala del Consiglio comunale di Todi. L’evento, organizzato dall’Associazione geometri Media Valle del Tevere in collaborazione dell’amministrazione comunale e i Collegi dei geometri e geometri laureati delle province di Perugia e Terni, è rivolto a tutta la Rete delle professioni tecniche dell’Umbria.

Le strade provinciali del tuderte in stato di abbandono.

 

 

IMG00078-20160605-1102La foto che pubblichiamo e che ci ci è stata segnalata riguarda la strada provinciale Todi-Amelia in direzione Pontenaia. Una provinciale con manto stradale rovinato, talmente rovinato da farlo sembrare un paesaggio lunare, con avvallamenti,buche,canali di scolo per le acque praticamente inesistenti. Mancano i soldi,è vero. Ma per dotare la Polizia Provinciale di cavalli l’allora grande presidente Guasticchi non badò a spese….E’ questa l’Italia, ma ci auguriamo che il popolo sovrano non taccia all’infinito….

COOP CONNECTION NESSUNO TOCCHI IL SISTEMA. I TENTACOLI AVVELENATI DI UN’ECONOMIA PARALLELA Amorosi Antonio

9788861907447
“La prima inchiesta sulle coop in Italia. Anni di silenzio, difficile mettere il naso dentro un mondo che garantisce lavoro, potere, soldi e continuità politica. Solo grazie agli ultimi scandali di Mafia capitale sono affiorate le contraddizioni di un universo economico che da solo genera 151 miliardi di fatturato dando lavoro a più di un milione di persone. Grande distribuzione, grandi opere, servizi, alimentazione, assicurazioni: il mondo coop, frutto di una storia secolare, copre tutto il territorio, dal Nord al Sud, in nome della solidarietà, a difesa dei lavoratori. Questo libro prova a smontare la propaganda che ha alimentato l’universo coop e racconta la realtà di un business protetto, in cui sfruttamento, corruzione, speculazione finanziaria sono ben presenti seppure mai denunciati perché coperti dal marchio della legalità. Per fare del bene tutto è concesso anche godere di un regime fiscale particolare (lo garantisce la Costituzione), allearsi con le mafie locali, pilotare le gare d’appalto, pagare tre euro all’ora un lavoratore, persino arricchirsi sulle spalle degli immigrati. Un vero blocco economico, politico, culturale che fa comodo a un’intera classe dirigente e che si basa sulla distrazione della magistratura in un intreccio di potere difficile da scalfire. ‘Coop connection’ vuole dare voce a chi è solo a denunciare questo sistema, in nome di quei valori in cui credono tanti lavoratori e che hanno ispirato la nascita delle prime cooperative.”
Autore
Antonio Amorosi, giornalista d’inchiesta, è nato a Ludwigsburg, in Germania, nel 1970. A trentaquattro anni, nel 2004, è stato assessore alle Politiche abitative del Comune di Bologna con Cofferati sindaco. Si dimette dopo appena diciotto mesi denunciando il sistema politico e amministrativo locale che dal 1986, scavalcando le graduatorie, assegnava una percentuale elevata di alloggi popolari per via politica. Si occupa della presenza della criminalità organizzata in Emilia-Romagna e dell’attualità politica come giornalista radiofonico. Nel 2010 è autore con Christian Abbondanza del libro Tra la via Emilia e il clan edito dalla Casa della Legalità di Genova. Le sue inchieste per il quotidiano online Affaritaliani.it nel 2011 portano alle dimissioni di diversi politici emiliani e alla nascita di casi giudiziari nazionali. Nel 2013 ha collaborato con “Il Foglio”. Scrive e pubblica i suoi reportage sul settimanale “Panorama” e dal 2014 sul quotidiano “Libero”.