Todi Festival, Maddalena Crippa e Cinzia Tedesco raccontano Verdi Tutti gli appuntamenti in cartellone martedì

 

manifestotodiIl castello di Petroro, le sue bellezze recuperate, il suo futuro come residenza teatrale. Il latino e il dilemma sulla sua utilità ai giorni nostri. E ancora le donne di Verdi raccontate in chiave jazz. Sono gli ingredienti della quarta giornata dell’edizione del trentennale del Todi Festival, che prosegue a Todi fino al 4 settembre. Il programma di martedì 30 agosto si apre alle 11, nella sala del consiglio comunale, con l’incontro Il Castello di Petroro: la residenza teatrale e le iniziative sociali. Incontro nel corso del quale il sindaco di Todi, Carlo Rossini, il presidente dell’Etab – Ente Tuderte di Assistenza e Beneficenza, Paolo Frongia, il direttore artistico di dell’Accademia Nazionale delle Arti, Federica Tatulli, e la responsabile Progettazione e Sviluppo dell’Accademia Nazionale delle Arti, Mina di Lecce, presenteranno la neonata residenza teatrale che ha sede proprio nel castello di Petroro e che viene inaugurata proprio in occasione del Todi Festival. Alle 17, alla libreria Ubik di via Ciuffelli, Nicola Giardini presenta il libro Viva il latino – Storie e bellezza di una lingua inutile. L’autore, in questo libro, a rispondere a una domanda che in molti continuano a farsi: a che serve il latino? La risposta di Nicola Giardini è semplice: è lo strumento espressivo che è servito a fare di noi quello che siamo. L’autore ne parlerà insieme al professor Marco Grondona. Alle 19, al Teatro Nido dell’Aquila, ancora un debutto nazionale: Hilda, per la regia di Federica Tatulli, con Enrico Amoni, Noemi Cusato, Martina Pantoni, Erika Rotondaro, Maya Quattrini. Il celebre testo teatrale dell’autrice franco-senegalese, Marie Ndiaye, porta in scena due irriducibili antagonisti: Madame Lemarchand e il marito Frank Meyer. Hilda è l’oggetto del contendere tra la donna, che vuole a tutti i costi che la giovane lavori al suo servizio, e il riluttante marito. La contrapposizione è lo strumento per mettere in luce il contorto rapporto tra servo e padrone, con un finale tutto da scoprire. Maddalena Crippa e Cinzia Tedesco, alle 21 al Teatro Comunale, raccontano Giuseppe Verdi e le sue donne, nello spettacolo Verdi’s Mood e le donne, un lavoro anch’esso al debutto nazionale. Lo spettacolo prende spunto dal progetto musicale di Cinzia Tedesco che ha rivisto, in chiave jazz, le più celebri aree verdiane. Cinzia Tedesco dà voce alle donne di Verdi, quelle della sua vita come le eroine delle sue opere, Maddalena Crippa, a queste stesse donne, dà un volto e un’anima. La regia è di Juan Diego Puerta Lopez. Applausi a scena aperta domenica sera, invece, per il diversamente musical Come Erika e Omar, è tutto uno show per la regia di Enzo Iacchetti, voce narrante di un reading-musical, rivisitato appositamente per il Todi Festival, che prende di mira la spettacolarizzazione televisiva della cronaca nera.

La compagnia ha deciso di devolvere il ricavato della vendita dei cd con le canzoni dello spettacolo per la promozione di iniziative da dedicare alla memoria delle vittime del terremoto di Lazio e Marche legate al territorio tuderte.

Decisione presa a seguito della morte di Riccardo Pizzi, giovane difensore del Cannara CANNARA, ANNULLATA PER LUTTO CENA INAUGURALE DELLA FESTA DELLA CIPOLLA

 

Festa-della-Cipolla-di-Cannara-a-SettembreAnnullata. La consueta cena inaugurale della Festa della cipolla di Cannara, a cui tradizionalmente vengono invitate le autorità locali e prevista per martedì 30 agosto, non si farà in segno di lutto per la scomparsa del giovane Riccardo Pizzi, trentenne difensore della squadra di calcio cittadina, deceduto domenica 28 agosto, durante la partita Cannara-Fulginium valida per il primo turno di Coppa Italia Promozione. La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale, in accordo con l’Ente Festa della cipolla, per rispetto nei confronti dei familiari colpiti dalla triste sciagura.

 

Todi Festival, giornata di debutti nazionali con Peggy Guggeneim e Calaveras Kabarett Gli appuntamenti in programma per lunedì 29 agosto

 

img_9308Sarà la presentazione del libro Il fiore in pietra di Todi tra Roma e Loreto a cura dell’Ente Tuderte di Assistenza e Beneficenza ad aprire gli appuntamenti della terza giornata del Todi Festival. Alle 17, nella sala del consiglio comunale, sarà presentata la pubblicazione dedicata al tempio della Consolazione, uno dei monumenti più importanti del Rinascimento italiano.

Intervengono Paolo Frongia, presidente del’Etab – Ente Tuderte di Assistenza e Beneficenza e il professor Fabio Marcelli, ricercatore del dipartimento di Ingegneria civile e ambientale dell’Università degli studi di Perugia.

Si prosegue poi, alle 19, con Calaveras Kabarett. Sul palco del Teatro Nido dell’Aquila gli attori di Malabranca Teatro. La regia è di Daniele Nigrelli. Musica eseguita dal vivo dai Decostruttori Postmodernisti. Visto il grande numero di prenotazioni arrivate alla segreteria del Festival, la rappresentazione sarà replicata anche alle 21.

Lo spettacolo è tratto da Crimes Ejemplares di Max Aub, scrittore spagnolo, tradotto per la prima volta in italiano. Anche questo spettacolo, come Il Legame che sabato ha inaugurato l’edizione del trentennale del Todi Festival, è un debutto nazionale.

Malabranca presenterà una carrellata di omicidi grotteschi e tragicomici, veri esempi di humor nero, portati in scena con la cifra stilistica del cabaret, un viaggio onirico, quasi metafisico nel paradosso della violenza.

Alle 21, al Teatro Comunale, spazio per un altro debutto nazionale. Caterina Casini vestirà i panni di Peggy Guggenheim. Intorno a Peggy Guggeheim è tratto da Woman before a glass di Lanie Robertson, la regia è di Giles Stjohn Devere Smith.

Si tratta di una performance di prosa e proiezioni con linguaggio disinvolto e trasgressivo che racconta alcuni momenti degli ultimi anni di Peggy Guggenheim e della sua vita a Venezia dove abitò per 30 anni realizzando la sua straordinariacollezione d’arte moderna. Robertson racconta  di questa grande eroina che nascondeva  le tele e sculture tra i piatti e le vettovaglie di cucina durante la guerra, racconta dei suoi difficili rapporti con i mariti e delle sue grandi capacità di collezionista di grandi opere.

Domenica 28 agosto, invece, c’è stato spazio anche per i talenti emergenti e alla loro arte, grazie alla prima edizione del premio specialeOne Talent tv, il nuovo canale nazionale (66 del digitale terrestre) dedicato alla promozione gratuita dei talenti creativi, pronti a mostrarsi al pubblico italiano, in tv, e di tutto il mondo via web. Il fondatore Ciro Dammico, il direttore creativo Vincenzo Germino e quello del marketing, Damiano Miotto, hanno consegnato i premi agli autori dei video selezionati.

Premiati il gruppo musicale Wonder Vincent con Spoon Rest, la make up artist Carmela D’Amico, la E. Sperimento Dance Companyper Hopera, e la cantante Alice Menton con il video di One Day.

Nella foto, un momento della premiazione di One Talent tv 

Todi: il cordoglio della Città per le vittime del sisma

 

P01-TodiIl Sindaco e l’Amministrazione comunale di Todi esprimono profondo cordoglio per le vittime degli eventi sismici che hanno interessato in questi giorni le regioni dell’Italia centrale.

La scomparsa dei coniugi orvietani Matteo Gianlorenzi e Barbara Marinelli e dei coniugi Adriano e Artemia Sargeni, della figlia Gabriella e del marito Mauro Marincioni hanno particolarmente toccato la Città di Todi.

Matteo Gianlorenzi era da anni apprezzato operatore economico del centro storico e Barbara Marinelli aveva insegnato in una delle scuole dell’infanzia comunali, a Pantalla.

La famiglia Sargeni, originaria di Todi, da anni trasferitasi ad Amatrice, aveva mantenuto costanti contatti con la Città, dove ancora risiedono molti parenti.

Alle famiglie delle vittime la vicinanza dell’intera comunità tuderte.

 

Todi, il Cinema d’Essai

2016-Volantino-Progr.-A5-pag.-2

PROSEGUE A MONTEFALCO MOSTRA ‘PRESENZE E TRASPARENZE’ DI NATINO CHIRICO APERTA FINO AL 4 SETTEMBRE

 

ListenerProsegue con successo l’esperienza di Natino Chirico a Montefalco e della sua mostra ‘Presenze e trasparenze’ allestita al Museo di San Francesco fino a domenica 4 settembre. Il pittore reggino, autore quest’anno del Palio della Fuga del Bove, ha infatti allestito nella suggestiva location una personale di 40 opere che ne raccontano l’attività artistica ripercorrendo la sua lunga carriera, dai primi autoritratti in graffite fino agli ultimi lavori su tavola. Buono il riscontro di pubblico, anche straniero, perché in molti hanno visitato la mostra, organizzata da Add-Art ed Ente Fuga del bove, che propone anche opere nuove rispetto alle personali di Spoleto e Perugia di cui Chirico è stato protagonista quest’anno. È ancora una volta l’Umbria, dunque, sempre più terra d’elezione per il pittore che ne ha fatto anche luogo di soggiorno e di lavoro nonché spazio espositivo, prima di intraprendere l’esperienza internazionale che a novembre lo porterà a Sidney in Australia.

‘Presenze e trasparenze’ si apre con un autoritratto in olio su tela e si chiude con un Don Chisciotte che simbolicamente indica la via verso il futuro all’artista che sente di avere ancora “tanto da raccontare e molta energia a cui dare forma”. Trovano dunque posto nell’esposizione lavori legati alle varie fasi che hanno caratterizzato l’arte di Chirico. Il cinema è stato musa ispiratrice di un prolifico periodo di cui i protagonisti più conosciuti sono sicuramente Charlie Chaplin, Federico Fellini e Anna Magnani. Mentre altri soggetti cari all’artista sono il tuffatore, il ritmo della musica e, nelle produzioni più recenti, le città e gli animali. Tra questi il bove che caratterizza anche l’evento tradizionale montefalchese. “Le presenze del passato, del presente e del futuro – ha spiegato Natino Chirico –, quindi quell’universo di soggetti che mi porto dietro, si intrecciano con le trasparenze date da materiali come il metacrilato, dove inserisco delle figure sospese che danno questa dinamicità, che tengo a rimarcare nel mio lavoro”. Quello che caratterizza l’arte di Chirico, infatti, è un sapiente combinato tra l’uso personale e originale del colore e dei materiali che sembrano quasi prendere vita nelle forme in cui l’artista li plasma.

L’esposizione montefalchese sarà visitabile negli orari di apertura del museo, fino alla fine di agosto dalle 10.30 alle 19 e a settembre, fino a domenica 4, dalle 10.30 alle 18.

TODI, ANNULLATO L’EVENTO ‘TUDER’ DELL’AGRITURISMO ‘IL MEROLLO’ CAUSA SISMA

logo_headerL’Agriturismo ‘Il Merollo’ di Pesciano di Todi ha annullato l’evento ‘Tuder, territorio, umanesimo, diete, erbe, relax e ruralità’ in programma domenica 28 agosto, nell’ambito della 30esima edizione del Todi festival.

“A seguito dei tragici eventi accaduti ad Amatrice e nelle zone limitrofe – fanno sapere gli organizzatori – e in considerazione che alcune persone a noi vicine sono purtroppo coinvolte nell’accaduto, siamo costretti a rinviare l’evento a data da destinarsi”.

PASSIGNANO SUL TRASIMENO, IL 27 E 28 AGOSTO TORNA TRASIMENO VINTAGE

 

trasimenoTrasimeno vintage, il festival dedicato allo stile e alla cultura retrò torna a Passignano sul Trasimeno per la sua quarta edizione sabato 27 e domenica 28 agosto. Due giorni e due notti immersi nelle atmosfere vintage nella splendida cornice del lago Trasimeno. La manifestazione, ideata dall’associazione Farefacendo in collaborazione con l’amministrazione comunale, sarà l’occasione per ripercorrere insieme i mitici anni ’50, ’60, ’70 e ’80 con un programma ricco di eventi: oltre dieci le iniziative musicali che ospiterà il festiva,l tra concerti e dj, con tre palchi dove si ballerà a suon di rock&roll, boogie woogie, soul, swing e grandi classici italiani e stranieri, più una discoteca all’aperto che animerà il lungolago passignanese fino a tarda notte. L’evento vedrà protagonista anche il pubblico alla sfilata di auto e moto d’epoca con equipaggio a tema, Manubrio & volante vintage, che si è confermata nelle scorse edizioni l’evento più divertente e amato dagli appassionati dei motori storici. Torna anche il mercato vintage, con oltre venti espositori selezionati dall’Umbria e dal resto d’Italia, dove sarà possibile curiosare e fare shopping per trovare il capo unico o l’accessorio alternativo, dischi, libri, arredo di design e curiosità. Con più di 25mila presenze registrate negli anni precedenti, il festival si conferma come uno degli appuntamenti più attesi dell’estate, attirando visitatori da tutta l’Umbria. Per l’occasione il lungolago di Passignano sarà chiuso al traffico fino a tarda notte.

“Durante l’evento – fa sapere Marco Brilli, presidente di Farefacendo – non potremo non fare riferimento ai drammatici eventi che hanno recentemente sconvolto il centro Italia, colpendo in particolare il territorio di Amatrice. Nell’esprimere la nostra profonda vicinanza alle popolazioni devastate dal sisma, annunciamo che istituiremo, insieme al Comune di Passignano sul Trasimeno, tre punti raccolta fondi all’ingresso della città. Sarà un piccolo contributo per un grande gesto di solidarietà, nella speranza e nell’augurio che le popolazioni colpite dal terremoto, dopo il grande dolore, possano tornare il prima possibile alla normalità grazie a tanti piccoli sforzi comuni portati avanti e sostenuti dalla collettività intera”.

Todi festival 2016: Lunedì 29 agosto alle ore 17,00 Presentazione del saggio “Il fiore in pietra di Todi”

 

downloadIl trentennale del Todi Festival 2016 è sembrato un piu’ che degno palcoscenico per la presentazione al pubblico del saggio. “Il fiore in pietra di Todi fra Roma e Loreto“, un prezioso volumetto dedicato al Tempio della Consolazione di Todi, del quale è autore Fabio Marcelli, Docente di Storia dell’arte presso l’Università di Perugia. Il saggio, pubblicato per iniziativa di ETAB Todi, storica istituzione proprietaria del tempio al servizio della Città di Todi ,è stato stampato in un numero limitato di copie timbrate e numerate e rappresenta una testimonianza storica unica sulla costellazione di chiese a pianta centrale che Donato Bramante progettò per per Giulio II, il “papa-imperatore”.

Dopo la presentazione del libro, da parte dell’autore, sarà possibile acquisire una copia, insieme ad alcuni prodotti filatelici dedicati al Tempio.

I proventi delle vendite saranno totalmente destinati alle popolazioni duramente colpite dalle crisi sismiche del 24 agosto 2016.

 

Sabato 27 agosto proclamato lutto nazionale: Todi Festival vicino alle popolazioni di Lazio e Marche colpite dal sisma

 

manifestotodi“Chi in questi giorni – esordisce Carlo Rossini, sindaco di Todi – è protagonista con importanti iniziative culturali disseminate sul territorio nazionale non può trascurare ciò che è successo con il terremoto di pochi giorni fa. Il Todi Festival sarà, quindi, dedicato alle vittime del sisma di Lazio e Marche e in particolare alle famiglie legate al territorio tuderte”.

Già dalle prime ore dopo il sisma, nel corso della conferenza stampa dello spettacolo inaugurale Il legame,  che inaugurerà sabato 27 agosto la trentesima edizione del Todi Festival, la città di Todi aveva espresso la propria solidarietà. Il tutto testimoniato, tra l’altro, dall’assenza forzata del sindaco Rossini, impegnato a coordinare l’intervento della locale Protezione civile.

“Oltre a dedicare il Festival alle vittime del terremoto – dichiara Diana Del Vecchio, direttore generale del Todi Festival –  abbiamo pensato di organizzare una doppia raccolta fondi: la prima all’ingresso del Teatro Comunale, l’altra presso i Voltoni del Palazzo Comunale. Quest’ultima con il supporto delle due aziende vitivinicole sponsor, ovvero Cantina Todini e Roccafiore, che devolveranno parte del ricavato delle degustazioni già previste”.