“Oltre ai pullman, c’è di più…”,intervento di Elio Andreucci

 

“Dal 12 Settembre i pullman grandi con capienza superiore a 30 posti, non entreranno più nel centro storico.Un altro piccolo ma decisivo passo in avanti,verso la Todi che sogniamo, più bella, più pulita e più sana, con una evidente e decisiva riduzione dell’inquinamento, atmosferico ed acustico”.

Questo è il testo del comunicato emanato dal Comune di Todi. Iniziativa, attesa da tempo, che  contribuirà in parte a conservare e semplificare la città. Ma Todi non è fatta solo di centro storico, anche se importante, c’ètutto il resto del territorio,  Frazioni e Quartieri dell’immediata periferia, dove la situazione purtroppo non appare altrettanto “bella, pulita e sana”, né liberadall’inquinamento atmosferico e acustico.Sono anni che esisteun problema irrisolto, rappresentato dalla persistente bruma maleodorante, che regolarmente invade tutta la zona “fuori le mura” partendo da Montelupino fino a Torresquadrata, compresa tutta la fascia urbana esterna di Porta Fratta, Piagge ePontenaia.  Il Quartiere Europaè il più esposto alla fonte dei fumi,con il maggior numero di abitanti, attraversato giornalmente da un centinaio di autotreni, mezzi pesanti e tutto il traffico locale, con conseguenze inquinanti incalcolabili, sia atmosferiche che acustiche ma anche ambientali e di sicurezza, una zona già battezzatainfatti come “compromessa”, dovea completare il quadro,si è aggiunto anche il depuratore. Cosa rappresenta la sporadicità di un pullman a confronto di tutto ciò e una fonte inquinante e perenne di fumi maleodoranti? E nonostante le continue lamentele, segnalazioni, riscontri giornalieri,richieste di controllo dell’aria continuo e sistematico, la situazione rimane invariata, nel silenzio assordante e colposo di chi dovrebbe attivarsi.Un disagioche colpisce un terzo della popolazione di tutto il comune, comprese scuole, asili e impianti sportivi,innumerevoli e crescenti le manifestazioni patologiche,ma nessuno si prende cura dell’allarmantefenomeno: Comune, Provincia, Regione e tutti gli Enti, responsabili  anche della salute della gente.Ci sarebbero altre considerazioni, ma voglio concludere con alcune domande: Perché tanto silenzio intorno a questa vicenda? Perché non si installano centraline di controllo continuo nei punti strategici? Perché il fumo è maleodorante e di colore celestino quando si dice che si brucia solo metano (anche se in realtà c’è pure il coke di petrolio)? Perché non è data la possibilità di conoscere i risultati dei rilievi e l’attendibilità dei dispositivi di controllo? Perché non ci è dato di conoscere la statistica delle patologie soprattutto oncologiche relative alla zona interessata al fenomeno dei fumi? Perché non possiamo sapere quale relazione esiste fra le patologie in essere e il contenuto dei fumi? Non vado oltre tanto sarebbe inutile, quello che mi auguro da sempre, è che finalmente si possa arrivare ad un provvedimentorisolutivo, per la serenità e sicurezza sia della popolazione che dei lavoratori e fare veramente “ un passo in avanti” verso quella Todi “che sogniamo”  e chepossa diventare realmente “ La città più vivibile del mondo”, non a parole, ma seguendo il concetto dell’”essere” non dell’”apparire”.

“Se qui c’è qualcuno confuso, quello non sono io !! di Claudio Serafini (Todi Civica)

Se qui c’è qualcuno confuso, quello non sono io. Si è confuso invece chi,  per far approvare il nuovo centro commerciale di Ponterio, che ha osteggiato per anni, ha tenuto il numero legale alla maggioranza in Consiglio Comunale. Si è confuso chi ha approvato un bilancio in cui si sono alzate le tasse ai commercianti e artigiani, che diceva di difendere. Si è confuso chi non si è accorto che al Todi Festival, che si voleva tanto abolire ( la prima azione che farò se sarò eletto Sindaco ! ) sono stati aumentati i contributi. Si è confuso chi ha scoperto da Facebook che la Giunta aveva chiuso un seggio elettorale. Confuso è chi non si è accorto che non passa giorno che il suo primo sostenitore ed elettore politico non pubblichi una foto per denunciare lo stato di indecoro in cui si trova la città.
La confusione quindi è tanta, ma non è la nostra. Soprattutto perché in riferimento alla manutenzione delle scuole, per annunciare tre giorni prima della loro apertura che è uscito il programma degli interventi, bisogna essere proprio confusi. Vanno ringraziati come sempre gli operai del Comune per l’impegno e la capacità di ovviare ad una gestione che lascia molto a desiderare. Noi continueremo a vigilare e a  farci portatori delle istanze dei cittadini ( come nel caso delle scuole), certamente nom confusi, come qualcuno pensa, ma sicuramente preoccupati.
Claudio Serafini
Todi Civica

CULTURA: “REGIONE CONTINUI A SOSTENERE LE MANIFESTAZIONI CULTURALI UTILI A PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO” – SMACCHI (PD) SUL FESTIVAL DEL MEDIOEVO DI GUBBIO

 

“Ritengo importante ed assolutamente
opportuno che la Regione Umbria continui a sostenere le manifestazioni
culturali come il Festival del Medioevo di Gubbio al pari di altre, sempre di
grandissimo calibro, quali il Festival dei Due Mondi di Spoleto e il Festival
delle Nazioni di Città di Castello, tutte molto importanti per la promozione
e la valorizzazione del nostro territorio”. Così il consigliere regionale
Andrea Smacchi (Pd) commentando la presentazione del programma del Festival
del Medioevo che si svolgerà a Gubbio dal 26 al 30 settembre prossimi, che
si è svolta stamattina a Palazzo Donini.

Smacchi, commentando il tema della IV edizione del Festival, ‘I Barbari. La
scoperta degli altri’, definisce tutto ciò “di grande appeal, in quanto
– spiega – consente di effettuare una sorta di viaggio tra i popoli alla
scoperta delle diverse identità, andando oltre i confini e le convenzioni
storiche e geografiche per superare ciò che viene identificato come un
limite”.

L’esponente del Partito democratico non manca di sottolineare come “il
fatto di percepire l’altro, il diverso, il forestiero, anche come amico
rappresenta un argomento che diviene un vero e proprio focus sulle migrazioni
di quei secoli, che però riesce ad incrociare, attraverso un linguaggio
semplice e universalmente intelligibile, uno dei grandi temi del mondo
contemporaneo”.

Per Smacchi si tratta, in conclusione, di un appuntamento che “in soli 4
anni è diventato un evento di rilevanza internazionale, trasformando la
città di Gubbio in una capitale della cultura”.

Nulli, (CasaPound): “Nessun ritardo su manutenzioni scuole, forse qualcuno è confuso”

 

“Sono in parte divertito e in parte preoccupato.Non bisogna per forza sempre esagerare e sparare a zero per far politica, sarebbe più utile e corretto semmai avanzare proposte o semplicemente aspettare e valutare bene prima di scrivere”. Così in una nota Andrea Nulli, consigliere comunale di CasaPound con delega alle manutenzioni.

“Sono una persona che accetta consigli – prosegue Nulli – che risponde ai cittadini, che si confronta e che tutti i giorni, senza prendere un centesimo per la delega che esercita, ce la mette tutta, con umiltà per capire e cercare di trovare soluzioni migliori per quanto riguarda le manutenzioni di tutto il territorio comunale. Ma quando leggo baggianate, mi agito e solo per correttezza verso i cittadini sento il dovere di rispondere. Non è bastato fare programmi e non è bastato evidentemente neanche pianificare i lavori prima dell’apertura delle scuole. Insomma come dire; se si fosse fatto lo sfalcio dell’erba troppo presto, poi si sarebbe detto che era, magari, un po’ ricresciuta e non sarebbe andato bene, tagliandola come abbiamo fatto a ridosso dell’apertura, poi sei in ritardo e secondo qualcuno non andrebbe bene ugualmente. Si tratta ovviamente di un approccio assurdo e fazioso alla questione”.

“Il Reparto Manutenzioni del Comune di Todi – fa notare il consigliere di CasaPound non è stato di certo seduto a guardare durante quest’estate, sono stati fatti diversi interventi, a partire dalla messa in sicurezza dell’asilo nido di Santa Maria, con la rimozione dell’intonaco pericolante su tutte le pareti del plesso, la ripulitura delle grondaie, interventi di riparazione di sedie, banchi, rubinetti, la sostituzione di serrature, la riparazione di infissi, l’imbiancatura e la verniciatura di alcune aule, riparazione di infiltrazioni di acqua, riparazioni di alcuni giochi e infine abbattimento alberi secchi,  potature e sfalcio erba”.
“Insomma rispondo a chi frettolosamente spinto dal bisogno, della ricerca della visibilità, ha scritto di ‘gravi ritardi di manutenzioni nelle scuole’:’Ma quali ritardi?’

Certo dobbiamo fare ancora diverse migliorie che realizzeremo durante l’anno..Infine ci tengo a sottolineare la mia soddisfazione per i lavori svolti da questa Amministrazione Comunale in merito alla sicurezza dei plessi scolastici per quanto riguarda l’efficientamento energetico, l’acquisizione del CPI e le verifiche di vulnerabilità sismica”.

A Todi arriva la Tariffa Puntuale sull’intero territorio comunale

 

Sono state presentate questa mattina in conferenza stampa congiunta organizzata da Gest – Gesenu e dal Comune di Todi, alla presenza del Sindaco di Todi Antonino Ruggiano, Elena Baglioni, Assessore all’ambiente di Todi, Mauro della Valle Amministratore di Gest e Massimo Pera, Dirigente dei Servizi di Gesenu (gestore operativo di GEST), le modifiche che riguardano il servizio di raccolta differenziata e il piano operativo di attivazione della Tariffa Puntuale. Al fine di attivare un sistema di raccolta conforme all’attivazione della tariffazione puntuale sui rifiuti e migliorare la qualità della frazione organica raccolta, il Comune di Todi e Gest – Gesenu propongono l’attivazione di un sistema di raccolta domiciliare che prevede l’utilizzo di appositi mastelli/contenitori per la raccolta delle frazioni di rifiuto organico e secco residuo ed attività di miglioramento del servizio di raccolta nel Centro Storico.

Tariffazione puntuale

La Regione Umbria con il Programma regionale per la promozione del passaggio al sistema di tariffazione puntuale, ha
destinato contributi economici ai soli Comuni che al 31 dicembre 2017 hanno raggiunto percentuali di raccolta differenziata certificate superiori al 65%: il comune di Todi ha raggiunto la percentuale di raccolta differenziata pari al 71,40 %. Pertanto a partire dal mese di maggio 2019 sarà attivato e messo a regime in tutto il territorio comunale il piano operativo che prevede le rilevanti novità di servizio:

  1. DOMICILIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL CENTRO STORICO DI TODI. Con l’obiettivo di garantire un’adeguata raccolta differenziata si prevede l’installazione di 40 “mini isole ecologiche ad accesso controllato” con 3 scomparti per il conferimento dei rifiuti da parte di tutte le famiglie e di tutte le attività commerciali ubicate nel Centro Storico di carta, plastica e metalli, vetro. Per contabilizzare gli svuotamenti, in maniera propedeutica e sperimentale all’introduzione di una tariffazione puntuale, si è deciso di dotare i contenitori di Radio Frequency Identification (RFID) che coniuga in maniera univoca l’Utenza ed il relativo codice associato
  2. DOMICILIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DELLA FRAZIONE ORGANICA IN TUTTO IL 
TERRITORIO COMUNALE. L’Amministrazione Comunale di Todi, in accordo con Gest-Gesenu, ha deciso di attuare politiche che portino ad un miglioramento della qualità della raccolta differenziata, in particolare per la frazione organica, con la conseguente riduzione degli scarti. Il nuovo modello organizzativo prevede la trasformazione del servizio di raccolta della frazione organica da stradale a domiciliare. Ogni utenza sarà dotata di contenitori specifici per la raccolta dei rifiuti organici ed il servizio sarà domiciliare e non più di prossimità.
  3. INSTALLAZIONE DI TAG RFID SU TUTTI I CONTENITORI PER LA RACCOLTA ED ASSOCIAZIONE DEGLI 
STESSI ALL’UTENZA TARI. Al fine di adottare la tariffa puntuale sarà necessario adeguare gli attuali contenitori in uso alla cittadinanza. Infatti per conteggiare gli svuotamenti è necessario che tutti i contenitori per la raccolta dei rifiuti siano equipaggiati di un microchip (RFID), che associa univocamente il contenitore all’Utenza. Per questo, contestualmente alla consegna dei contenitori domiciliari per la frazione organica, il gestore Gest/Gesenu si recherà casa per casa per applicare il tag su tutti i contenitori attualmente in uso alle utenze. Il microchip consentirà di conteggiare il numero degli svuotamenti effettuati dalle utenze in maniera tale da creare un database di letture propedeutico all’elaborazione del ‘’Nuovo’’ Regolamento Comunale TARI Puntuale.

Raccolta separata del vetro monomateriale

Durante la conferenza stampa l’Amministrazione Comunale di Todi ha ringraziato i cittadini per gli importanti risultati conseguiti nella raccolta differenziata del vetro monomateriale conseguita nel 2018. L’installazione di 89 campane nei centri abitati ad alta densità abitativa e di 69 contenitori dedicati per le utenze non domestiche hanno consentito di avviare a recupero di 117 tonnellate di vetro pulito.

Esprimo tutto l’orgoglio – il commento del sindaco di Todi Antonino Ruggiano – e la soddisfazione, mia personale e della amministrazione comunale di Todi, per la decisiva svolta nella gestione del servizio di raccolta di rifiuti nella nostra città. Oggi, grazie al decisivo lavoro della Gesenu, dell’assessore Elena Baglioni e dei nostri uffici abbiamo raggiunto uno storico risultato, che farà di Todi una delle più avanzate città della Regione, grazie ad un sistema che ci porterà alla raccolta puntuale ed alla massimazione della raccolta differenziata. A latere decisivi interventi anche per il decoro del centro storico, volti al miglioramento della immagine della città. Todi, la città più vivibile del mondo, quale esempio di efficienza e di capacità di sognare il futuro è una cosa che ci riempie il cuore di gioia”.

Il progetto approvato dalla Giunta comunale – dice Elena Baglioni, Assessore all’ambiente di Todi – è il frutto di un lungo e delicato lavoro di squadra per il quale desidero ringraziare gli Uffici del Comune di Todi e Gesenu. L’ambizione è quella di avere una città più pulita e con un sempre maggiore incremento di raccolta differenziata sia in termini quantitativi che qualitativi. Il lavoro che abbiamo svolto fino ad oggi va in questa direzione e i numeri ci stanno dando ragione. Sono certa che Todi saprà cogliere questa opportunità, diventando ancora una volta città da prendere ad esempio. Esprimo pertanto la mia personale soddisfazione nel presentare alla città un progetto che, solo un anno fa, sembrava impossibile da attuare e che oggi diventa realtà”.

 

 

 

 

 

ULTIMO WEEKEND PER LA 38ESIMA FESTA DELLA CIPOLLA DI CANNARA

 

Domenica gran finale con la premiazione dello stand dell’anno e visite a Urvinum Hortense

Si avvia verso la conclusione la 38esima Festa della cipolla di Cannara, in scena fino a domenica 16 settembre nel borgo umbro. E se da un lato ci sono le ghiottonerie proposte nei menù dei sei stand gastronomici (quelle de ‘Al Cortile antico’ portano la firma dello chef stellato Gianfranco Vissani) a prendere per la gola i numerosi avventori, ogni sera dalle 19.30, dall’altro è ricca la proposta ludica e culturale. Accanto alla mostra mercato della cipolla e dei prodotti tipici, aperta dalle 19, si potranno visitare la mostra della civiltà contadina e dell’artigianato locale ‘L’eredità del passato’, a palazzo Preziotti in via Umberto I, e la collettiva d’arte sacra in piazza del Terz’ordine francescano.

L’evento è organizzato dall’Ente Festa della cipolla di Cannara e realizzato con il contributo del Gal Valle Umbra e Sibillini, Psr per l’Umbria 2014-2020, misura 19.3 ‘L’Europa investe nelle zone rurali’. La serata di venerdì vedrà il concerto del chitarrista Andrea Braido e la Vasco tribute band Anima Kom, in piazza san Matteo alle 21.30, mentre sabato 15 toccherà alla Pink Floyd cover band by Drunk side. La giornata di chiusura, infine, domenica 16, sarà densa di appuntamenti, a partire dalle 6 con la gara cinofila per cacciatori in località Santa Lucia, cui seguirà alle 9 la mostra cinofila organizzata da Fidasc Cannara e stand ‘Il rifugio del cacciatore’. In contemporanea si svolgerà il Piandarca cipolla tour, una passeggiata di 10 chilometri a piedi o a cavallo nelle campagne cannaresi in collaborazione con la società agricola cooperativa sociale La Semente, centro polifunzionale che si occupa di persone con handicap. Seguirà un pranzo allo stand ‘Al Cortile antico’, il cui incasso sarà devoluto a La Semente, a base dei prodotti coltivati dai ragazzi della cooperativa che verranno coinvolti anche nella preparazione dei piatti con l’aiuto dei cuochi di questo stand. E ancora, alle 9.30 partirà da piazza Baldaccini il ‘Memorial Valter Baldaccini’, raduno podistico non competitivo di 12 chilometri in ricordo dell’imprenditore cannarese. Non mancherà, inoltre, la possibilità di una visita guidata agli scavi archeologici dell’antica Urnivum Hortense, organizzata dall’associazione Follow the word (il ritrovo è alle 9.45 al parcheggio di Collemancio). Infine, alle 17 appuntamento in piazza Cavour con la premiazione dello stand dell’anno accompagnata da ‘Tanto pe’ canta’, voci in allegria dal CantaCipolla, e alle 21, alla Chiesa della Buona morte, con il concerto conclusivo della Festa della cipolla a cura di Concentus vocalis di Cannara.

“L’elefante ha partorito un topolino….”,comunicato stampa MoVimento Tuderti 5 stelle

Il MoVimento Tuderti 5 stelle in piena sintonia con la politica nazionale del MoVimento per un virtuoso riciclo dei rifiuti e nell’ottica dell’ Economia Circolare,  credendo profondamente nella sinergia tra le varie realtà politiche e sociali della nostra piccola comunità, il 16 gennaio 2018 ha presentato alla giunta comunale, una proposta articolata e dettagliata per l’istallazione sul territorio comunale di alcuni Eco-compattatori, macchine  in cui i cittadini possono conferire recipienti in plastica (bottiglie per  l’acqua, contenitori per detersivi etc. etc.) e alluminio principalmente e che nel nostro progetto era previsto, dovessero “ricompensare” i cittadini diligenti con sconti sugli acquisti e soprattutto uno sconto sulla TARI, ovvia ricompensa per chi contribuisce ad alleggerire il conto che il comune paga ogni anno alla Gesenu.
E….. qui  l’elefante partorisce il topolino!
In data 14.08.2018,  il comune di Todi produce un bando con il quale concede a domanda, un semplice contributo economico straordinario una tantum di 1000.00 euro/macchina, alle aziende  e società, che volessero istallare a proprie spese e su terreno di loro proprietà, macchine di compattazione per il recupero di materiali da avviare a riciclo quali bottiglie PET, PE,PP, flaconi HDPE, lattine Alluminio.
E il diligente cittadino “riciclone” ? E lo sconto sulla TARI ? E gli incentivi per stimolare il conferimento?
Nel bando si legge che i cittadini che conferiranno il materiale alle macchine otterranno dei “buoni spesa”, ma saranno le aziende a decidere se e in che misura? Quindi la vera finalità del progetto cioè lo stimolo al riciclo, sarà lasciata completamente  alla discrezionalità  di aziende private che di questo aspetto potrebbero anche fregarsene?
Questa poteva essere l’occasione per riavvicinare il cittadino contribuente “pressato” dalla TARI all’ amministrazione comunale almeno su questo tema, e invece ci sembra l’ennesima mossa per gettare fumo sugli occhi.
Perché non si è voluta cogliere la grande  potenzialità di questa proposta che oltre a riguardare il conferimento della plastica ed alluminio potrebbe essere allargata anche alle  macchine per il ritiro di abiti usati e per la differenziata?
Speriamo che qualche azienda “illuminata” del territorio tuderte, sia interessata all’istallazione di queste macchine a queste condizioni, ma  vista anche la scarsa pubblicità avuta dal bando ne dubitiamo, comunque il MoVimento tuderti 5 stelle che  rivendica la paternità della proposta, farà di tutto affinchè l’amministrazione comunale modifichi il suo iniziale atteggiamento e renda questo progetto in grado di produrre tutti i benefici effetti che in tante altre realtà sta già producendo da anni.
Le domande per partecipare al bando potranno essere presentate fino al 30/09/2018 al comune di Todi e il bando integrale può essere scaricato sul sito del comune sez. albo pretorio online.
                                                                                                           Fortunati Massimo
MoVimento Tuderti 5 stelle

La nuova casa del tifoso digitale a Perugia: Calciogrifo.it

 

Dopo i successi di Cagliari con calciocasteddu.it, Bergamo con calcioatalanta.it e Verona con calciohellas.it  approda in Umbria il nuovo modo di vivere la passione calcistica sul web ideato da PagineSi Spa, la digital company umbra che opera su tutto il territorio nazionale a supporto della comunicazione di pmi, professionisti e istituzioni.

Calciogrifo.it  è il portale che segue in tempo reale le vicende del Perugia, sito di nuova generazione finalizzato a coinvolgere direttamente gli appassionati e i tifosi attraverso una informazione moderna, fresca e di elevata qualità professionale, come raramente accade ancora nel mondo di Internet.

Tante le informazioni che il portale della squadra umbra porta all’attenzione degli utenti: notizie di calciomercato, news in tempo reale dai campi di allenamento, video, sondaggi, dati statistici, commenti, interviste, dirette delle partite, cronaca e storia per ricordare i momenti magici del passato nonché episodi entrati nella memoria delle tifoserie. Non solo perché, in onore al nome dell’iniziativa, gli stessi tifosi saranno chiamati tramite rubriche apposite ad interagire con la redazione, avendo la possibilità di esprimersi, di dire la loro diventando a loro volta giornalisti e collaboratori per un giorno. I contenuti saranno ovviamente integrati con il mondo social, realtà che garantisce un’ampia partecipazione dei tifosi stessi, quindi promossi anche su blog collegati a Pagine Sì! SpA.

“Situazione plessi scolastici di proprietà comunale”,comunicato stampa dell’Assessore Moreno Primieri

In merito alla sicurezza dei plessi scolastici comunali l’Amministrazione rende noto quanto segue.

Nel programma di efficientamento energetico si precisa che i lavori sono terminati nella scuola elementare di Porta Fratta e nella Scuola Materna di Pian di San Martino, mentre prenderanno il via a breve i lavori per la scuola media Cocchi – Aosta di Porta Fratta. Costo totale degli interventi 450.000,00 circa. La scorsa settimana sono stati effettuati dei sopralluoghi da parte Sindaco Ruggiano e degli assessori competenti per verificare lo stato della situazione.

Proprio ieri (11.09.2018), invece, è stato fatto l’ultimo incontro con gli Assessori Primieri e Baglioni ed i Responsabili dell’Edilizia Arch. Minciaroni e del Patrimonio Dott.ssa Scimmi per fare il punto della sicurezza antincendio.

Ebbene, sul fronte dei certificati di prevenzione incendi tutti i plessi scolastici per i quali sussiste l’obbligo secondo la normativa vigente sono dotati di CPI. Rimane l’acquisizione del CPI della scuola di Ponterio, per la quale è stato già affidato l’incarico tecnico finalizzato alla presentazione della SCIA ed all’ottenimento del Certificato che arriverà a breve..

Inoltre l’Amministrazione Comunale, per sua libera iniziativa, ha provveduto ad acquisire il CPI anche per i plessi scolastici con presenze inferiori a 100 unità e per i quali non sarebbe stata obbligatoria in base alla legge. Si tratta della Scuola per l’Infanzia di Pian di San Martino, Scuola per l’Infanzia di Pantalla, Scuola per l’Infanzia di Pian di Porto.

Sul fronte delle verifiche di vulnerabilità sismica sono già state verificate, sulla base delle precedenti NTC, quattro scuole che sono: Media ed Elementare di Pantalla, Materna e Nido di Collevalenza, Elementare di Porta Fratta, Elementare di Ponterio.

Inoltre sono previsti interventi per verifiche di vulnerabilità sismica e progettazione di eventuali interventi di adeguamento per le scuole: Media Cocchi (€ 34.146,00) Media ed Elementare di Pantalla (€ 15.137,50), Asilo di Pian di San Martino (€ 7.692,00).

Le schede sono state fatte dal personale dell’Ufficio LLPP ed progetti di verifica sono stati finanziati con bando del MIUR e prevedono due fasi: 1. gara di progetto da espletare entro il 31.10.2018; 2. espletamento dell’incarico con trasmissione delle verifiche di vulnerabilità sismica entro il 31.12.2018.

Quello affrontato in questo anno è stato uno sforzo immenso, in quanto mai trattato con metodo dalle precedenti amministrazioni, ma fortemente voluto dalla Giunta che tiene a ringraziare gli uffici tecnici ed amministrativi per avere saputo cogliere con competenza e tempestività l’obiettivo politico messo in campo dall’Amministrazione comunale.

Todi, 12 settembre 2018

Moreno Primieri

Assessore ai LLPP, Edilizia, Urbanistica e Ambiente

‘Educare per il Domani’, a Todi il 15-16 settembre

claudio ranchicchio,

Si è svolta stamattina a Perugia, presso Hotel La Rosetta, la conferenza stampa per il lancio del convegno
nazionale di Articolo 26 “Educare per il Domani – Famiglia Scuola e Società Insieme per il futuro delle nuove
generazioni” alla presenza degli assessori di Todi Claudio Ranchicchio – Assessore Cultura e Turismo – e
Alessia Marta – Assessore Politiche Sociali e Familiari.
Presente anche Chiara IannarelIi, Vicepresidente dell’associazione “Articolo 26” Italia, organizzatrice del
convegno che si svolgerà a Todi il 15-16 settembre prossimi presso la sede del Consiglio Comunale di Todi.
Rilanciato l’ambizioso obiettivo del meeting di ricollocare al centro del dibattito culturale e politico il ruolo
educativo della famiglia e della scuola, come punti di partenza per lo sviluppo della società di fronte alle
nuove sfide educative, poiché un paese davvero civile e democratico non può non mantenere in primo
piano l’impegno per l’educazione e la scuola.
Una sfida urgente e appassionante soprattutto di fronte ai numerosi casi di cronaca che ci dipingono una
gioventù a rischio e scuola e famiglia sempre più in crisi nel proprio ruolo educativo e per di più in
collisione tra loro.
Molte le questioni al centro dell’evento: dalle nuove dipendenze – dai social alla pornografia – al
miglioramento del sistema scolastico italiano in relazione alla partecipazione dei genitori, al pluralismo
formativo e al diritto alla libertà di scelta educativa e scolastica, diritti nella cui attuazione l’Italia è oggi tra
gli stati più arretrati al mondo.
Alla tavola rotonda moderata dalla giornalista del Corriere della Sera Valentina Santarpia, sono invitati i maggiori esperti sul tema – tra cui Anna Monia Alfieri – e i rappresentanti del mondo delle istituzioni e della
politica.
L’evento, che gode del patrocinio del Comune di Todi e dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, vedrà
la partecipazione di importanti educatori, scrittori e filosofi tra cui Franco Nembrini, Francesco Botturi,
Giacomo Samek Lodovici e Mario Salisci.