«

»

Giu 13

MAGGIORANZA SEMPRE PIU’ ARROCCATA NEL PALAZZO,comunicato stampa Gruppo Consiliare Partito Democratico

 

In Consiglio Comunale si è palesata, se ancora ce ne fosse bisogno, tutta l’arroganza e supponenza della maggioranza che governa Todi! Lunedì 11 giugno era stato convocato un Consiglio Comunale per discutere Interrogazioni, Ordini del Giorno, Mozioni, presentate dalle forze di opposizione giacenti sul tavolo del Presidente del Consiglio da lungo tempo. Tutti i Gruppi Consiliari di opposizione hanno presentato anche una Domanda di Attualità sugli spostamenti del personale dell’ente che la giunta si accinge a fare. Gli avvicendamenti dei lavoratori del Comune di Todi, così come appaiono dalla delibera della Giunta Comunale del 24 maggio 2018, non rispondono ad alcun criterio di  efficacia, efficienza, funzionalità ed economicità di gestione. Gli avvicendamenti per un nuovo riassetto organizzativo del personale dovrebbero essere tesi a  garantire le migliori risposte possibili che il Comune dà ai cittadini in termini di qualità ed efficacia dei servizi. Ciò non è, e come nelle prerogative delle forze di opposizione, si voleva la discussione in Consiglio. La maggioranza si è guardata bene dal farlo, prima tentando di dire che la richiesta di Domanda di Attualità non era legittima, con argomenti che non avevano nessun fondamento, poi, pressati dall’opposizione per fare il dibattimento, hanno abbandonato l’assise facendo mancare il numero legale…

E’ evidente che il tema tocca un nervo scoperto per Giunta e Maggioranza, costretta ad accettare imposizioni e decisioni volute da una sola parte della sua componente e che non hanno nessuna base delle buone pratiche amministrative. La maggioranza si dimostra debole e impaurita nel confronto con la città! Preferisce evitare il confronto con le forze di opposizione e, sopratutto, con i cittadini, su questo tema, così come sulla Variante di Ponterio e così come sul mancato spostamento del sito del depuratore.

La destra è sempre più isolata, arroccata e chiusa nel palazzo.

 Gruppo Consiliare Partito Democratico