Il 20 agosto 1968 l’Armata Rossa invade la Cecoslovacchia.Finisce la “Primavera di Praga”. Il “comunismo dal volto umano” fu sconfitto dall’apparato burocratico dei Soviet Russi

              PER NON DIMENTICARETantissimi giovani non sanno cosa vissero i cecoslavacchi in quell’anno fatidico,il 1968.Difficilmente i programmi di Storia dell’ultimo anno delle superiori arrivano  ad approfondire certe tematiche di Storia Contemporanea. E allora per non dimenticare,per ricordare chi si oppose al colonialismo sovietico in quell’epoca figlia di Yalta,chi morì nell’Est Europa per la libertà senza mai ricevere aiuto dall’Occidente materialista e cinicamente capitalista,vogliamo con pochissime frasi richiamare l’attenzione  sulla  “primavera di Praga”.

L’invasione del 20 agosto 1968, compiuta con circa 200.000 uomini e 5000 carri armati, segnò la fine di ogni tentativo di autonomia da parte dei paesi che gravitavano attorno all’Unione Sovietica. La popolazione cecoslovacca, profondamente delusa,reagì con una serie di manifestazioni di protesta che culminarono col suicidio del giovane studente Jan Palach. A chi non accettò la fine delle riforme non rimase che lasciare il paese per trasferirsi nell’Europa Occidentale. Circa 300000 persone, per lo più istruite e qualificate professionalmente,  lasciarono la Cecoslovacchia. Il paese venne tenuto sotto stretto controllo del Partito Comunista Cecoslovacco e l’occupazione terminò soltanto con la caduta del Muro di Berlino.

Budapest,Poznan,Berlino,Danzica,Praga:alcune delle grandi città dell’Est nche cercarono di ribellarsi all’Unione Sovietica in nome della libertà e della sovranità nazionale.Non riuscirono a scalfine il Moloch Sovietico perchè il mondo era stato diviso in due zone d’influenza e l’Europa era diventata solo terra di conquista.

T’ODI: l’arte di Ceccobelli vista dall’alto apre il Todi Festival.

Sabato 25 agosto l’inaugurazione dell’antologica del Maestro Bruno Ceccobelli fra simbolo e archetipo.

Il taglio del nastro alle 18, con ingresso libero. Nella stessa giornata al Nido dell’Aquila apre la mostra di Auro e Celso Ceccobelli. Domenica 26 agosto inaugurazione di Frequency, l’installazione firmata Michele  Ciribifera per lo spazio ‘UNU unonell’unico’

 

La grande arte del Maestro Bruno Ceccobelli terrà a battesimo l’edizione 2018 di Todi Festival. Sua infatti l’antologica T’ODI che apre il ricchissimo cartellone di eventi culturali. Un esordio in nome dell’arte con T’ODI; questo il nome dell’installazione site specific collocata nella Sala delle Pietre di Palazzo del Popolo che a partire dalle ore 18 di sabato prossimo 25 agosto sarà visitabile ad ingresso libero. Una mostra antologica relativa al periodo 1984-2018 che consterà di 30 opere le quali, attraverso segni primordiali e simboli spirituali, parleranno della terra natia dell’artista.

Si tratta – spiega l’artista Bruno Ceccobelli – di un’installazione molto particolare poiché visibile dall’alto, una “visione spirituale”: da qui il nome T’ODI a significare “ti ascolti”. Ascoltare in effetti – spiega Ceccobelli – può essere simile all’osservare dall’alto, come quando si guarda uno scavo archeologico. Una visione superiore ed esterna da se stessi: nel caso di T’ODI lo scavo che osserveremo dall’alto non sarà archeologico bensì archetipico grazie alla visione di opere fatte di segni, simboli e dunque carica di messaggi originari”.

Bruno Ceccobelli è, insieme ai figli Auro e Celso, l’autore del manifesto ufficiale di Todi Festival 2018: nella stessa giornata di esordio per T’ODI è prevista (ore 19 Nido dell’Aquila, via Paolo Rolli) l’inaugurazione di Motore Universale, esposizione dei gemelli Auro e Celso Ceccobelli che presentano il frutto del loro lavoro a quattro mani: sculture performative con una visione ideale d’interazione tra il “teatro di macchine” e la natura. Nati a Roma nel 1986, vivono a Todi e sono attivi nel campo dell’arte dal 2001. Anche in questo caso la mostra è ad ingresso libero.

Le esposizioni di Bruno Auro e Celso Ceccobelli nascondo dalla volontà e dall’impegno dell’associazione ‘Todi per l’Arte’ il cui Presidente Giuseppe Cerasa spiega: “Questo nostro progetto ha già visto la realizzazione di una serie di mostre di artisti protagonisti del panorama artistico nazionale e internazionale”.  Roberto Bernardi e Raphaella Spence, Piero Pizzi Cannella e Rossella Fumasoni e lo scorso anno Marco Tirelli e Robin Heidi Kennedy: Cerasa cita le precedenti esposizioni aggiungendo:“Quest’anno abbiamo scelto Bruno Ceccobelli, illustre esponente della Scuola di San Lorenzo i cui figli si stanno avviando alla ribalta della scena artistica italiana avendo grandi capacità e potenzialità. Lo scopo finale dell’associazione è quello di promuovere grandi artisti valorizzando Todi, la sua storia e la sua bellezza. Tra i programmi ambiziosi c’è quello di dare a Beverly Pepper la giusta collocazione, progettando a Todi per la fine dell’anno una mostra con le opere donate dall’artista in un percorso fra il tempio di Santa Maria della Consolazione e la Rocca.

Domenica 26 agosto alle 18.18 ulteriore appuntamento con l’arte di Michele Ciribifera che nello spazio UNU unonell’unico (via del Mercato Vecchio, 16) presenta la sua installazione Frequency ad ingresso libero. Anche questa un’installazione site specific, pensata per lo spazio UNU unonell’unico e che si fonda sulle percezioni inconsapevoli dell’energia diffusa dalle frequenze armoniche che interagiscono con il nostro universo. Nella sua ricerca artistica Michele Ciribifera cerca di rendere visibile ciò che non è percettibile ai nostri sensi indagando la vera natura delle cose e portando lo spettatore a riflettere su tutto ciò che lo circonda.

“Migliorare il servizio di raccolta del vetro,” di Todi Civica

 

Il consigliere del movimento Todi Civica Floriano Pizzichini ha depositato una proposta per migliorare il servizio di raccolta del vetro.
Dal mese di Aprile,  il Comune di Todi,  ha definito con il gestore del Servizio, Gest/Gesenu, l’aggiunta di una ulteriore differenziata, per la sola raccolta del vetro.
Per eseguire tale raccolta sono stati distribuiti sul territorio nuovi contenitori ( zona centro storico) e apposite campane ( zone frazionali).
Lo svuotamento delle campane avviene, come definito nel contratto, con cadenza mensile, attraverso un mezzo specifico che necessita di  personale addetto.
A seguito delle segnalazioni di numerosi cittadini, in alcune zone ad alta densità abitativa, per la presenza di attività commerciali e di ristorazione, il numero delle campane e lo svuotamento delle stesse risultano essere insufficienti a contenere la quantità di vetro afferito.
Tale problema costringe i cittadini a cercare contenitori alternativi o a riportare a casa i rifiuti di materiale vitreo. Purtroppo, in alcune  non rare occasioni, alcuni cittadini, in maniera errata, adagiano il vetro accanto alle campane determinando, pertanto,  delle zone di pericolo per chi transita in quelle aree, con particolare riferimento ai bambini e con conseguente danno di immagine per la città.
Nell’ordine del giorno, Pizzichini, chiede al Sindaco e alla giunta di rivedere il contratto di gestione per la parte della raccolta del vetro. Che vengano promossi  una serie di incontri sul territorio per raccogliere le indicazioni dei cittadini, a seguito delle quali,  valutare in quali  zone prevedere l’aumento del numero delle campane e/o dei contenitori e la frequenza di svuotamento delle stesse.
Todi Civica

Ringraziamenti Digitali PILATES.BIO 2018 – II Edizione

DIREZIONE Dott.ssa MARIA OLIVA TULLI

DIREZIONE ARTISTICA ARTE DANZA – DIREZIONE TECNICA CENTRO SPORTIVO PALESTRA PERNI: CLAUDIA PERNI
Docente I.A.L.S. (Istituto Addestramento Lavoratori dello Spettacolo – Roma) www.ials.org
Diplomata I.S.E.F. (Istituto Superiore Educazione Fisica – Perugia)
Diplomata Professionista S.A.T. (Scuola Addestramento Teatrale I.A.L.S. – Roma)

ISTRUTTORE CENTRO SPORTIVO PALESTRA PERNI: ROBERTO PERNI
Diplomato Cintura Nera I° Dan Judo F.I.L.P.J. (Federazione Italiana Lotta Pesi Judo)
Sede
Via Altobello Chiaravalle, 7 – 06059 Todi (PG) – Parcheggio interno
Segreteria: Tel. 075.894.85.90
Direttrice: Dott.ssa MARIA OLIVA TULLI (340 6301511)
Direttrice Artistica: CLAUDIA PERNI (389 5866541)
Istruttore: ROBERTO PERNI (339 4628676)

E-mail: artedanzatodi@hotmail.it

Todi città da Grande Fratello, Ruspolini: “Il territorio tuderte sarà più sicuro”

 

“Entro i primi tre mesi del 2019 il territorio tuderte sarà molto più sicuro”. È sicuro del fatto suo Adriano Ruspolini, vice sindaco di Todi con delega alla sicurezza. L’intero centro abitato, ma anche le frazioni, saranno infatti vivisezionate da telecamere di videosorveglianza. Massimo entro marzo dell’anno prossimo. Il Comune è infatti entrato nell’ambizioso progetto del ministero degli Interni. A spiegare in cosa consiste è proprio Ruspolini.

“Il sistema di controllo sarà doppio. Avremo le telecamere che leggeranno le targhe di tutte le auto in entrata e in uscita e poi il sistema di videosorveglianza di scopo”. Un progetto da 650 – 680 mila euro, finanziato dal Comune per 160 mila euro circa in cinque anni. “La lettura della targa verrà inviata in tempo reale alla sala operativa della polizia locale e dei carabinieri della compagnia di Todi. I dati arriveranno tutti su un server protetto che si troverà in Comune”. Insomma, chi entra ed esce dalla E45 avrà un nome: “Purtroppo, la criminalità diffusa arriva praticamente tutta da fuori perché Todi è facilmente raggiungibile da Roma, Perugia, Orvieto e Orte. Finora, in caso di furti o di altri reati, abbiamo brancolato spesso nel buio. Ora non sarà più così”. Un’eventuale auto rubata sarà subito segnalata alla sala operativa. La videosorveglianza di scopo servirà a individuare anche eventuali atti vandalici, spaccio di droga.

“Le telecamere non più funzionanti in Parco della Rocca saranno sostituite con telecamere nuove e perfettamente funzionanti. Qui, al momento, ci sono almeno due baby gang che compiono atti vandalici. Se c’è un problema al parco o in altri punti della città, sarà sufficiente andare a rivedersi le immagini per risalire ai responsabili. Inizialmente, avevamo deciso di fare da soli, ma successivamente questo pezzo del progetto è stato inglobato in quello generale, in collaborazione con il ministero degli Interni”. Todi città del Grande Fratello? Quasi. Verranno infatti aggiunte telecamere fisse anche nei pressi dei punti sensibili del centro umbro.

Il Comune tuderte ha invece fatto tutto da solo per il Varco, già acquistato e che tra un mese e mezzo circa sarà operativo e attivo. Spiega ancora Ruspolini: “Mentre i vigili urbani non dispongono di una sala operativa 24 ore su 24, i carabinieri ce l’hanno. Dunque, dopo una certa ora, saranno proprio i Militari a studiare le immagini. In caso di reato o di auto sospetta, nel resto della giornata, potremo decidere se inviare i vigili o i carabinieri a verificare”.

I PIANISTI JEROME LOWENTHAL E URSULA OPPENS AL MUSIC FEST PERUGIA

I due musicisti e professori di fama internazionale si sono esibiti alla sala dei Notari

Altri importanti nomi della musica di livello internazionale sono in città grazie al Music fest Perugia. I pianisti Jerome Lowenthal e Ursula Oppens si sono esibiti insieme alla sala dei Notari di palazzo dei Priori per la 13esima edizione del festival di musica classica diretto da Peter Hermes e Ilana Vered. Lowenthal ha anche partecipato a un concerto con orchestra che ha riscosso un grande consenso da parte del pubblico ed entrambi proseguono la loro permanenza come docenti per alcuni dei tanti studenti che stanno partecipando al festival. Lowenthal è professore di musica alla Juilliard school di New York e partecipa al Music festival da ormai quattro anni mentre Ursula Oppens, cinque volte nominata ai Grammy Awards, insegna al Brooklyn College e al Cuny Graduate Center a New York. I due pianisti sono entusiasti del Music fest Perugia perché è un evento che mette insieme musicisti di livello, luoghi di grande pregio artistico e un importante possibilità per gli studenti. “È difficile trovare qualcosa di meglio – ha commentato Lowenthal – tutto qui è interessante, bello e diverso e c’è anche la possibilità di esibirsi con l’orchestra”. “Non ci sono molti festival – ha aggiunto Oppens – in cui gli studenti hanno la possibilità di suonare con l’orchestra che è un’esperienza particolare. Perugia è fantastica, con la sua storia, il Medioevo e l’architettura antica. Noi ma anche gli studenti ne siamo entusiasti”. “I docenti del festival – ha concluso Lowenthal – vengono da tutto il mondo e questo incontro di musicisti fa germinare nuove idee nella musica”. Il Music fest Perugia si configura quindi non solo come palcoscenico per grandi artisti e giovani musicisti e come scuola dalla didattica di livello, ma anche come laboratorio e spazio di sperimentazione.

Il festival prosegue questa sua edizione fino a sabato 18 agosto con una serie di appuntamenti alla sala dei Notari alle 18 in cui si esibiranno altri famosi musicisti. In particolare, mercoledì 15 agosto è previsto il concerto del pianista Shuji Tanaka, professore di pianoforte alla scuola di musica Kobe College in Giappone. Si prosegue giovedì 16 agosto con il famoso due pianistico internazionale composto da Marina Lomazov e Joseph Rackers, direttori del Southeastern Piano Festival, e venerdì 17 con il grande pianista solista Paul Badura-Skoda, che partecipa ormai al Music fest Perugia da diversi anni. Si chiude sabato 18 agosto alla sala dei Notari con il concerto di pianoforte di Corey Hamm, professore alla University of British Columbia di Vancouver in Canada. Tutte le sere è inoltre in programma sempre alla sala dei Notari alle 21 un concerto di pianoforte con orchestra tranne il 17 agosto quando ci sarà l’esecuzione di arie d’opera con orchestra.

COMUNICATO STAMPA FRATELLI D’ITALIA

Leggiamo con stupore le dichiarazioni del capogruppo del PD che, in maniera raffazzonata, tenta di confutare a suo modo e piacimento i dati del Turismo di Todi, che oltre ad essere molto positivi stanno a testimoniare una tendenza di crescita organica che a Todi non si vedeva da qualche anno.
La crescita riguarda sia il comparto del turismo straniero che i flussi riguardanti i visitatori italiani, che dimostrano di apprezzare sempre più la nostra città ed il territorio circostante.
Appare evidente che le polemiche gratuite di chi mette in discussione persino i dati ufficiali, certificati dalla Regione Umbria, siano assolutamente strumentali e volte a penalizzare il nostro territorio solo per meri scopi politici.
E desideriamo esprimere il nostro più gradito apprezzamento per il grande lavoro messo in campo dall’ Amministrazione Comunale circa le politiche del Turismo, che stanno dando ottimi frutti; l’Ufficio informazioni turistiche, gestito in collaborazione con Coop Culture, svolge un grande servizio, finalmente con orari adeguati, con professionalità ed organizzazione capillare, il programma delle manifestazioni culturali è stato pubblicizzato con adeguato anticipo e promosso attraverso competenti uffici stampa nazionali per i singoli eventi; inoltre il Centro Storico è sempre più fruibile ed accogliente, con gli addetti al decoro che si occupano quotidianamente di alcuni angoli di esso.
Una manifestazione importante, come il Gran Premio Mongolfieristico ha fatto il suo ritorno a Todi, e il Wine Show ha avuto un successo mediatico e di numeri ogni oltre più rosea aspettativa, tanto per citare gli esempi migliori di una stagione esaltante che ha segnato un cambio di rotta rispetto al grigio quinquennio precedente.
Ed il 2019 sarà l’anno delle grandissime Mostre di Arte Contemporanea, che seguiranno quelle già molto importanti, svoltesi ed in programma nell’anno in corso.
Pertanto invitiamo il capogruppo del Pd ad informarsi meglio, ed a seguire con maggiore attenzione ed obiettività quello che accade a Todi, perchè contrariamente a quanto successo in passato, la maggioranza che sostiene la Giunta Ruggiano  non si farà di certo influenzare da critiche strumentali per salvaguardare rendite di posizione, e continuerà ben determinata nella sua azione, cercando di rendere Todi sempre più appetibile a livello nazionale ed internazionale.
COORDINAMENTO FDI TODI

‘L’AMMINISTRAZIONE BRUSCOLOTTI FA “ACQUA” DA TUTTE LE PARTI’,comunicato stampa Lega Umbria

La giunta di Maria Pia Bruscolotti non ha un buon rapporto con l’acqua. Un rapporto che in estate peggiora.
Sembrerebbe, infatti, che diversi cittadini abbiano avanzato una denuncia in ordine all’inquinamento dei propri pozzi privati così come sembra essere stato evidenziato dalle analisi dell’Arpa e dell’Asl, continue rotture nell’acquedotto locale e sistemi di pompaggio che vanno in tilt, autobotti di Umbra acque che riforniscono il capoluogo e le frazioni in emergenza. Accade a Massa Martana, nella sin troppo paziente Umbria dove il Pd sta andando in pezzi come gli acquedotti che ha malgovernato.
Il sindaco “agli sgoccioli” dovrebbe dire la verità su un servizio idrico alle corde e sul quale l’Amministrazione comunale, negli anni trascorsi, sembra non aver esercitato alcun controllo. Dovrebbe rispondere con chiarezza alle domande e alle segnalazioni dei cittadini, il Sindaco.
Inoltre dovrebbe chiedere ai suoi assessori, almeno a quello dei Lavori Pubblici, cosa sta succedendo e perché la gestione dell’acqua e il controllo su di essa, nelle sue diverse sfaccettature, è sfuggita loro di mano. Ne va della salute pubblica e dell’igiene personale.
  Invece la Bruscolotti e il suo assessore ai Lavori pubblici tacciono, tappati negli uffici municipali, facendo finta di niente.
Lega Umbria 
Sensini Luana.

CITTÀ DELLA DOMENICA FINO AL 19 AGOSTO MOLTIPLICA I SUOI APPUNTAMENTI

 

Il parco sabato aperto anche di sera: il 18 agosto evento a tema western

La Città della domenica, nella settimana di Ferragosto, potenzia la sua offerta per turisti e famiglie e, tutti i giorni fino a domenica 19 agosto, propone una ricca programmazione per far divertire grandi e piccini. Nel corso di tutte le giornate sarà possibile assistere agli spettacoli a tema western ‘Assalto al treno’, ‘Caccia all’oro’, ‘Leggende indiane’, ‘Favole dello sceriffo’ e ‘C’era una volta il West’ e partecipare alle visite guidate per conoscere il parco alle pendici del Monte pulito per ammirare gli animali che lo popolano. Aperti tutti i giorni anche il maneggio dove i bambini potranno vivere l’emozione di salire a cavallo, la pista di mini-kart e il laghetto con in gommoncini. Sarà sempre possibile, inoltre, lasciarsi trasportare dalle atmosfere delle casette delle fiabe con le tante animazioni, compreso il nuovo castello della Bella addormentata, e la fatina che accoglierà i piccoli visitatori. Tutti i pomeriggi non mancheranno spettacoli ed esibizioni di falconeria con grifoni, aquile, poiane, gufi e falchi, rapaci che si potranno vedere da vicino. E poi si moltiplica l’appuntamento con il Baby schiuma party, in programma ogni pomeriggio, per far ballare a ritmo di musica sotto una montagna di spuma bianca e soffice.

Ma la Città della domenica, per rendere ancora più piacevole l’estate in città, quest’anno nel mese di agosto, tutti i sabati rimane aperta anche di sera e propone eventi sempre diversi. Dopo il tutto esaurito di sabato scorso con ‘Avventure nella notte’, sabato 18 agosto è in arrivo ‘Notte nel selvaggio west’, un’avventura indimenticabile da vivere insieme alla propria famiglia nella fantastica cornice western tra bisonti, sceriffi, banditi e capi indiani. Durante la serata sarà possibile gustare i prodotti del vecchio west come il chili, i corn dog, la apple pie e il bbq chicken. “Mi ricordo un fortino a Doge City – racconta lo sceriffo White alla Città della Domenica –, maestosi bisonti a est e la tribù indiana del grande capo Cavallo Pazzo a ovest. È da lì che provengono quei preoccupanti segnali di fumo ma per raggiungere Yuma dobbiamo per forza passare di lì, dunque, montate sul treno, occhi aperti, e pistole cariche”. Per l’evento di sabato sera è gradita la prenotazione: 075.5054941.

 

Continua l’analisi dello stato di manutenzione dei cimiteri fatta dal Movimento Tuderti 5 Stelle

Quello di  Asproli – Porchiano  è uno dei Cimiteri più piccoli del territorio tuderte,  ma  questo non basta a renderlo privo di pericoli e di inadeguatezze più o meno rilevanti.
Primo elemento di stupore per il gruppo di lavoro del MoVimento Tuderti 5 Stelle deriva dalla constatazione di una assoluta mancanza di uno steccato esterno, a tutela dei visitatori, delle loro automobili  e di chi transita nella strada sottostante. Sottostante sì perché questo Cimitero si trova, rispetto alla strada, sopraelevato  di qualche metro e presenta un viottolo di accesso, parallelo  alla strada stessa,  percorribile da una sola vettura  (situazione molto simile a quella di Duesanti-Petroro ma con un dislivello superiore ).
La pendenza che si viene a creare  perciò non è solo quella della stradina di pertinenza cimiteriale ma pure quella che separa la stessa dalla strada asfaltata; le due strade, trovandosi molto vicino creano una   pericolosa scarpata che, come già detto, non è  protetta.
Inoltre, adiacente al Cimitero corre una carrareccia che viene utilizzata come parcheggio (per forza di cose, non ci sono infatti altri spazi disponibili, a parte la stradina), e su questa  è presente un tombino completamente aperto ( si allegano foto).
All’interno del Cimitero  si può apprezzare una chiesetta recentemente ristrutturata, tenuta chiusa, dalla quale sono state rubate le  tubature per la canalizzazione dell’acqua piovana.
A parte la nota positiva della recente risistemazione della Chiesetta, (peccato non se ne possa ammirare l’interno), si vanno ad elencare gli aspetti  indecorosi, di mancata sicurezza e inadeguati perché di impossibile accesso per i disabili.
– Un certo numero di croci, alcune in metallo altre in pietra e marmo, sono mal alloggiate, senza nomi, messe agli angoli insieme a materiale da costruzione di vario genere (laterizi, tegole, lapidi…)  e  a scarti  di edilizia non rimossi;
– La vegetazione non è affatto curata,  piante anche arbustive proliferano, occupando spazi destinati alle sepolture,  rampicanti  invadono intere pareti di antiche e pregevoli  cappelle private;
– Le lapidi a terra, che si trovano anche in zone di passaggio, sono illeggibili, storte e inframezzate da ostacoli;
– Ci sono corrugati “invadenti”,  scale inaffidabili in ferro, tronchi di albero in mezzo ai viottoli, gradini e cordoli in quantità, crepe sui muri perimetrali e interni;
– La pendenza del suolo è accentuata dalla ridotta manutenzione, la scarsezza di brecciolino legata alle piogge rende il terreno insidioso;
– Le rampe per disabili neanche a pensarci.
E’ sulla difficoltà di accesso per coloro che hanno disabilità, temporanee o permanenti, e sulla mancanza di una recinzione di qualsivoglia natura, in particolare, che il MoVimento Tuderti 5 Stelle invoca con sollecitudine l’intervento dell’ Amministrazione Comunale.
                                                                                         Novello Ferretti, Paola Padiglioni, Francesco Todini
                                                                                         MoVimento Tuderti 5 Stelle